Ciao Professore

Infelice, Malinconico, Scontento, Scoraggiato,...
Avatar utente
marika
Very Important Poster
Very Important Poster
Messaggi: 7324
Iscritto il: 17/06/2008, 17:16

Ciao Professore

Messaggio da marika » 24/01/2011, 10:41

E' sempre difficile aprire uno di questi topic ma, stavolta è di dovere rendere omaggio a chi per me, e non solo per me, stava diventando un secondo padre, o senza dubbio, già era una delle pochissime persone che credevano in me e che stavano tentando di realizzarmi umanamente, culturalmente e professionalmente.

E' venuto a mancare ieri il Relatore della mia laurea, il Professore per eccellenza, l'Uomo indiscusso.

Offtopic: Preferisco non fare nomi per motivi di privacy e anche per il semplice fatto che non c'è bisogno di nominare già chi è grande di suo.

La notizia ci è arrivata come una freccia, scagliata da non so quale arco, diritta al cuore con tutta la sua forza e prepotenza. Ha rotto la conferenza che doveva iniziare in quella domenica di pioggia e nebbia che sembrava già presagire qualcosa di indimenticabile. Se ne è andato così, a seguito di una discutibile influenza che ha scatenato delle altrettante discutibili complicazioni, nel fiore della sua attività letteraria ed accademica. Se ne è andato così, lasciando tutti nell'incredulità più tangibile.

Quanto a me, dalla morte, dagli insegnamenti di Seneca e da quelli del cattolicesimo, mi verrebbe da dire che, a 23 anni ancora non ci ho capito una mazza. E forse mai li capirò. Chiamatela vita, chiamatela esistenza precaria dove è inutile affannarsi, chiamatela comunità dei morti e dei viventi, chiamatela come vi pare, la sintesi sarà sempre una: spesso è ingiusta.
Ed anche in questo caso lo è parecchio.

L'Università non sarà più la stessa, il Dipartimento non avrà lo stesso senso e gli studenti, certamente, non avranno più la stessa Guida. Avanti si andrà, il tempo passerà ed affievolirà la malinconia, ma il suo ricordo, quello no.

Caro Professore,
avevo ancora tanto da dirLe e da dimostrarLe. Non L'avevo ancora ringraziata abbastanza e dovevamo a breve parlare dei nostri futuri progetti nel territorio e nella provincia. Non mi ha dato il tempo di farlo, ma questo non è stato certo per colpa sua, bensì di quella Giustizia dell' a ciascuno il suo di cui mi piaceva così tanto parlare nelle nostre digressioni. Non so se doveva andare così, ma adesso è andata. Sono sicura che Lei non avrebbe voluto che stessimo qui a piangerLa, e che avrebbe continuato a concepire la Sua morte come civica, e cioè sempre e comunque in funzione della città, della collettività e dell'interesse comune, con quella voglia di fare che solo Lei aveva e con tali accentuazioni.

Resterà in eterno una delle persone più importanti della mia vita. La tristezza è tanta ma forse nella filosofia, a cui Lei si appellava per spiegarci ogni singolo accadimento, troveremo conforto alla Sua spietata ed improvvisa assenza.

Addio Professore!

Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 30524
Iscritto il: 06/01/2008, 15:53
Località: Prope Caput Mundi

Re: Ciao Professore

Messaggio da Fenice » 24/01/2011, 11:38

Il Destino o la Sorte o il Fato o il Caso... (fate voi) ha voluto che mi trovassi con marika nel momento della terribile notizia.
L'evento era iniziato con le scuse per la voce di colui che parlava: il motivo lo avremmo saputo a breve; ma così non è stato: il discorso si è prolungato tra battute, sorrisi e racconti, quindi ho pensato che la mia prima impressione (che fosse accaduto qualcosa a qualcuno) fosse sbagliata. Ho pensato ad un furto, ad un danno a beni materiali,... Poi la parola è passata ad un'altra persona, che pareva scossa: il pensiero che qualcuno fosse morto è ritornato, ma pensavo ad un loro conoscente, qualcuno del luogo; piano piano nella mia mante si è fatto strada il pensiero che potesse essere accaduto qualcosa al Relatore della tesi di marika, ma mi ripetevo che la cosa era impossibile: il preambolo stava andando troppo per le lunghe e avevo deciso che non poteva essere lui. Proprio in quel momento hanno pronunciato il suo nome. :occhio_viola:
L'evento del giorno è andato avanti: il primo personaggio che aveva preso la parola ha spiegato che hanno deciso di andare avanti perché il Professore avrebbe voluto così; le parole dicevano che la decisione era sofferta, ma le espressioni e i toni dicevano ben altro: non serviva Paul Ekman (viewtopic.php?f=54&t=1629&p=49270#p49270) per capirlo...
Credo che davvero in pochi fossero sconvolti dalla notizia: oltre a marika e ad un suo amico, c'era solo un'altra persona che pareva pensare a tutto tranne che a ciò che accadeva nel luogo in cui eravamo; quando ha preso la parola ha spiegato che l'uomo che è morto per lui era come un padre.
Per il resto chi conosceva il Relatore della tesi di marika o sapeva nascondere bene il turbamento o non era turbato affatto; la notizia ha colpito molto anche me che avevo visto il Professore solo da lontano durante i pochi minuti della discussione di marika (viewtopic.php?f=22&t=3159&p=49007#p49007). Era un uomo giovane per i tempi di oggi (più giovane di mio padre), nel pieno della sua attività, con tanti impegni e progetti,...
marika ha scritto:Quanto a me, dalla morte, dagli insegnamenti di Seneca e da quelli del cattolicesimo, mi verrebbe da dire che, a 23 anni ancora non ci ho capito una mazza. E forse mai li capirò.
Puoi studiare tutti i filosofi e gli scrittori che hanno parlato della morte, puoi studiare tutte le religioni del Mondo o anche crearne una tu: pure la religione più consolatoria (che sia il Cristianesimo con la resurrezione dei morti, il Buddismo con la reincarnazione,...) che assicura che la vita non finisce con la morte non potrà mai darti una spiegazione che non ti faccia soffrire quando muore qualcuno a cui tieni. Quel che è certo è che "La morte è il termine certo a cui siamo diretti" e vivere il tempo che ci viene concesso (da chi decidetelo voi) nel migliore dei modi è l'unica cosa che possiamo fare. Quale sia il migliore dei modi è soggettivo, ma di sicuro non è smettere di vivere per quello che ci accade. Con il tempo potrai consolarti, un po' perché (credente o no) "Il tempo guarisce tutte le ferite" e "Chi muore giace e chi vive si da pace", che in altri termini significa "E' la vita...", un po' perché la filosofia o la religione a te più vicine (per scelta o educazione) ti conforteranno.
Filosofia e religione a parte, la cosa più rispettosa da fare (se si ha rispetto per i morti o almeno per quello che hanno rappresentato per noi durante la loro vita) è vivere come avremmo fatto se non fossero morti; nel tuo caso significa che dovresti impegnarti al massimo per portare avanti i progetti che avevate. Ovviamente la cosa non dipenderà soltanto da te, ma almeno puoi mostrare la tua disponibilità a chi si occuperà delle cose lasciate in sospeso dal tuo Relatore; disponibilità e anche un po' di insistenza, per far capire che la cosa per lui era importante. So che ti costerà fatica perché al momento sei demotivata, ma sono certa che la cosa ti farebbe sentire meglio.
Per sfoghi e appoggio a distanza... il link al Forum RobboR lo conosci. :abbracci:

Avatar utente
Rob
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 18771
Iscritto il: 06/01/2008, 4:41
Località: 127.0.0.1
Contatta:

Re: Ciao Professore

Messaggio da Rob » 24/01/2011, 12:13

Mi dispiace molto Marika, posso immaginare quanto rappresentasse per te il Professore e come ci si senta dopo una notizia del genere, tanto più perché giunta all'improvviso. Anch'io ho avuto modo di conoscerlo per qualche minuto di vista e già mi aveva colpito per il suo spirito vivace e per quel modo di porsi pieno di entusiasmo. Sono sicuro che troverai in te stessa la forza per superare questo momento difficile, pensa a quanto ti ha dato e fanne tesoro per andare avanti sulla tua strada. :abbraccio2:

Avatar utente
marika
Very Important Poster
Very Important Poster
Messaggi: 7324
Iscritto il: 17/06/2008, 17:16

Re: Ciao Professore

Messaggio da marika » 24/01/2011, 12:57

Grazie a tutti per la sensibilità e comprensione dimostrata.

Oggi rivedrei volentieri un film come questo: viewtopic.php?f=55&t=4308&p=49223#p49223 ma forse non servirebbe. Per farsene una ragione ci vorrà solo del tempo. So solo che, tutti gli amici che sto sentendo gravitano nella stessa malinconia e senso di stordimento tipico della circostanza.
Era davvero un Grande e, per quel carisma sincero che esercitava sulle coscienze di ogni generazione, forse nessuna religione o filosofia sarà in grado di colmare la sua assenza.
E' vero, portare avanti il suo insegnamento e i nostri progetti, è il minimo che si possa fare. Recupererò senz'altro, ove io sia messa nella condizione di concretizzare qualcosa, un briciolo di entusiasmo che il Professore avrebbe così tanto voluto.

Ieri è stata davvero una giornata "fatidica" nel senso che, per una serie di motivi insoliti ed inspiegabili, ci siamo tutti ritrovati a vivere lo stesso dolore e a fronteggiare la stessa inaspettata tristezza. Il Fato o la Provvidenza hanno così voluto ed io non posso che apprezzare la cosa.

Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 30524
Iscritto il: 06/01/2008, 15:53
Località: Prope Caput Mundi

Re: Ciao Professore

Messaggio da Fenice » 24/01/2011, 13:08

marika ha scritto:Oggi rivedrei volentieri un film come questo: viewtopic.php?f=55&t=4308&p=49223#p49223 ma forse non servirebbe.
Hai ragione: non servirebbe se non a darti modo di versare qualche lacrima in più e a farti sfogare (pianto liberatorio).
Quello che serve è
marika ha scritto:Recupererò senz'altro, ove io sia messa nella condizione di concretizzare qualcosa, un briciolo di entusiasmo che il Professore avrebbe così tanto voluto.
Cerca di fare il possibile perché questo avvenga: dipende un minimo anche da te essere messa in questa condizione; se dimostri desiderio di fare e sottolinei quanto il professore tenesse alla cosa... :occhiolino:
marika ha scritto:Ieri è stata davvero una giornata "fatidica" nel senso che, per una serie di motivi insoliti ed inspiegabili, ci siamo tutti ritrovati a vivere lo stesso dolore e a fronteggiare la stessa inaspettata tristezza. Il Fato o la Provvidenza hanno così voluto ed io non posso che apprezzare la cosa.
Di sicuro è stato meglio essere messi al corrente dell'accaduto a una mezzora da questo, da fonti certe e in una situazione in cui non era possibile pensare ad uno scherzo di pessimo gusto.

Avatar utente
marika
Very Important Poster
Very Important Poster
Messaggi: 7324
Iscritto il: 17/06/2008, 17:16

Re: Ciao Professore

Messaggio da marika » 24/01/2011, 15:08

Decisamente è stato meglio così. Il conforto delle persone "amiche" è sempre quello di cui il debole essere umano ha bisogno. Lo spirito comunitario e solidale ha creato un'atmosfera intima che ha sembrato unire i dolori, più o meno evidenti, della platea.

Inserisco Ugo Foscolo: Dei Sepolcri

All'ombra de' cipressi e dentro l'urne

confortate di pianto è forse il sonno

della morte men duro? Ove più il Sole

per me alla terra non fecondi questa

bella d'erbe famiglia e d'animali,

e quando vaghe di lusinghe innanzi

a me non danzeran l'ore future,

né da te, dolce amico, udrò più il verso

e la mesta armonia che lo governa,

né più nel cor mi parlerà lo spirto

delle vergini Muse e dell'amore,

unico spirto a mia vita raminga,

qual fia ristoro a' dì perduti un sasso

che distingua le mie dalle infinite

ossa che in terra e in mar semina morte?

Vero è ben, Pindemonte! Anche la Speme,

ultima Dea, fugge i sepolcri: e involve

tutte cose l'obblìo nella sua notte;

e una forza operosa le affatica

di moto in moto; e l'uomo e le sue tombe

e l'estreme sembianze e le reliquie

della terra e del ciel traveste il tempo.




La prima parte che ho sempre amato. Il testo è troppo lungo.

Ventuno
Utente esordiente
Utente esordiente
Messaggi: 8
Iscritto il: 25/01/2011, 18:05

Re: Ciao Professore

Messaggio da Ventuno » 25/01/2011, 18:40

Esordisco in questa agorà virtuale, bypassando una probabile prassi di presentazione, per unirmi al lamento iniziato da Marika per la scomparsa subitanea del nostro Professore. La tragicità della notizia in sè è stata, se possibile, accentuata dalla circostanza che essa giungesse a freddo. L'occasione era la presentazione di un libro che, se il Professore non avesse incentivato a presenziarvi, non sarei venuto nemmeno a conoscenza dell'esistenza e del libro in quanto tale e della sua autrice e di un'amena località ciociara di ciclopica fondazione. Il colpo al cuore, accettabile solo facendo una buona scorta di fatalismo di quarta mano, trascina anche un pesante fardello di conseguenze pratiche, u-morali e motivazionali. Lungi dall'intenzione di profondermi in una scontata elegia che pare essere doverosa nei confronti di chi non appartiene più a questo mondo, mi soffermo soltanto a sottolineare la capacità inclusiva dell'Uomo in questione, abile ad attirare a sè come "l'oggetto amato attrae l'amante pur stando fermo", per dirla con Aristotele. Con l'essenziale differenza che il Professore, quanto a stare fermo, si sforzasse poco. E se il primum mobile conferisce movimento a tutti gli enti, così Lui assegnava moto a quanti, amandolo (vuoi Lui, vuoi il moto), vi si avvicinassero. Succedeva quindi che ti trovavi coinvolto in un processo di miglioramento di te senza avere il tempo di rendertene conto. Il fermento culturale orbitante intorno all'Uomo, alla sua esperienza, cultura (da colere, attendere con cura) e rete di relazioni, ingenerava un clima stimolante ed "iniziatico" dal quale era doloroso pensare di distaccarsi.
Ora che il dolore è connesso alla scomparsa biologica della Persona, l'unico auspicio è riferibile alla continuazione, in forme diverse e con sensibilità diverse, di quanto il Professore avesse lasciato immaginare del futuro. Privilegiando tale prospettiva, religioni (confessionali e civili), filosofie e riflessioni diventano funzionali ad un messaggio di immortalità che invece di stagnare in una passiva fase di commemorazione e lutto, si fanno opera e pensiero agente nell'unica dimensione nella quale ci è concesso sviluppare il massimo potenziale della coscienza. Se poi Lui si sia innalzato a vette superiori di azione, pensiero e coscienza, lo scopriremo solo vivendo... e morendo. Ma non prima di avere imparato a realizzare, nel migliore dei modi possibile, entrambe le facce di una medesima medaglia.

Avatar utente
marika
Very Important Poster
Very Important Poster
Messaggi: 7324
Iscritto il: 17/06/2008, 17:16

Re: Ciao Professore

Messaggio da marika » 25/01/2011, 20:28

Caro Ventuno, direi che in questo caso la tua presentazione risulterebbe un'inutile formalità, o almeno per me, che conosco ed apprezzo la tua profondità interiore ( che come qualcuno ci farebbe notare, è come dire uscire fuori o assorbire dall'interno :occhiolino2: ).
La freddezza della notizia di domenica mi ha gelato il cuore. Sono passati due giorni eppure non riesco ancora a scaldarlo.
Ma, qualcosa avrò pur imparato in questi mesi, o almeno per dovere al nostro Professore, il quale torno a sottolineare avrebbe sempre voluto l'attuosità più strenua a favore della città, mi riprometto di portare a termine le Sue volontà.
Venerdì sarà un giorno tanto triste quanto felice.

Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 30524
Iscritto il: 06/01/2008, 15:53
Località: Prope Caput Mundi

Re: Ciao Professore

Messaggio da Fenice » 25/01/2011, 23:21

Ciao Ventuno, peccato che a spingerti ad unirti a noi di RobboR sia stata la volontà di "unirti al lamento" di marika, ma grazie per aver trovato la forza di renderci partecipi di parte dei tuoi pensieri e delle tue emozioni del momento.
marika ha scritto:Venerdì sarà un giorno tanto triste quanto felice.
Venerdì ci sarà una sorta di commemorazione, da quello che ho capito. Giusto?
Di sicuro, marika, il modo migliore per ricordarlo e per mostrare ciò che hai imparato da lui è mantenere la promessa importante di cui sopra.
marika ha scritto:Ma, qualcosa avrò pur imparato in questi mesi, o almeno per dovere al nostro Professore, il quale torno a sottolineare avrebbe sempre voluto l'attuosità più strenua a favore della città, mi riprometto di portare a termine le Sue volontà.

Avatar utente
S_RCS
Very Important Poster
Very Important Poster
Messaggi: 2143
Iscritto il: 29/05/2008, 15:32

Re: Ciao Professore

Messaggio da S_RCS » 25/01/2011, 23:50

cavolo queste cose colpiscono proprio diritto al cuore...anche se non è la stessa cosa ho provato un minimo questa sensazione di tristezza e mancanza, quando è morto il mio professore di tecnica delle medie ed io ero già alle superiori :triste:
mi dispiace molto marika sicuramente era un gran profesore di quelli che fanno solo bene alla scuola ed ai ragazzi che la frequentano.

Rispondi