Maschi invadenti sul bus

lo schifo non ha fine

Infuriato, Innervosito, Irritato, Permaloso,...
Rispondi
Avatar utente
marika
Very Important Poster
Very Important Poster
Messaggi: 7324
Iscritto il: 17/06/2008, 17:16

Maschi invadenti sul bus

Messaggio da marika » 14/06/2011, 8:32

Apro un topic per dar voce a tutte le donne che vengono importunate. :impreca: Ieri è toccato a me. Vi racconto i dettagli, non tanto per vittimismo, quanto per sfogo, visto che da ieri ancora non riesco a digerire il nervoso.

Ero sul 64 (bus urbano che nelle guide per stranieri è definito "il bus dei furti"). Come al solito eravamo tutti super pressati ad incastro l'uno con l'altro. La tratta è quella che va da Largo Argentina, passando per Via Nazionale e finendo alla stazione Termini, ci vogliono circa 25 minuti a causa del traffico e delle pessime condizioni di viaggio. Va premesso che all'andata me la sono fatta a piedi (guadagnandoci una piaga sanguinante sotto la pianta del piede) ma al ritorno non avevo troppo tempo, dovevo essere a casa per le 19 visto che alle 20 avevamo una cena e dovevo lavarmi. Così ho deciso di salire, ahimè.
Ero di spalle e ad un certo punto sento qualcosa "di duro" dietro, all'altezza del mio sedere. Credevo una borsa. :goccia3: O qualcosa di simile. Ma dopo 7 minuti di quasi pressione ho pensato che non fosse così. Ho cambiato posizione e ho cercato di allontanarmi ma non potevo muovermi. Dopo un po' sento come qualcuno che si appoggia sulla mia spalla, ma credevo sempre, nella mia immensa buona fede, che dopo una brusca frenata qualcuno non trovava nulla per reggersi. Mi giro e guardo un tizio enorme, scuro di pelle, grandi occhiali da sole che fa il finto tonto.
Arrivati verso la fine di Via Nazionale, quasi a Piazza della Repubblica, la situazione peggiora. Sento decisamente di nuovo "qualcosa" dietro le spalle, un fiato sul collo e una mano prima sul basso dorso e poi sul sedere. :impreca: Mi giro con sguardo cagnesco e guardo il tizio dritto negli occhi (anche se non si vedevano) ed esclamo ad alta voce: "Scusi, ma si può sapere che ca...oooooo sta facendo?!!!! Ma non si vergogna?!"

Si sono girati tutti. Al momento dell'uscita questo ne ha approfittato di nuovo e in realtà ho iniziato a preoccuparmi :occhi:. Mi sono fermata e lui mi ha come tamponato :ko2: Ho fatto retro marcia tutta innervosita e sono uscita da dietro. Ho aspettato un po' prima di prendere la metro e mi sono data.

Sensazione bruttissima. La mia solidarietà va a tutte quelle donne che ne subiscono anche di peggio.

Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 30355
Iscritto il: 06/01/2008, 15:53
Località: Prope Caput Mundi

Re: Maschi invadenti sul bus

Messaggio da Fenice » 14/06/2011, 8:56

Cara marika, se la cosa ti può minimamente consolare, capisco benissimo come ti senti: io ci sono passata oltre 10 anni fa, quando ero una teenager. Gli anni passano, ma le cose non migliorano, anzi...
Purtroppo a Roma (e, immagino, nelle grandi città con mezzi pubblici affollati come quelli di Roma, se ne esistono) cose analoghe capitano spesso: anche mia madre tempo fa mi aveva raccontato di un uomo di colore che la spingeva da dietro mentre salivano sull'autobus; lei si è bloccata e girata verso di lui intimandogli ad alta voce di tenere le mani a posto. L'uomo, proprio davanti all'autista, si è guardato intorno e ha chiesto scusa mettendo le mani dietro la schiena. Magari in quel casa il tizio non voleva palpare mia madre (che non è più una ragazza carina), ma lo ha fatto involontariamente nella fretta di salire sull'autobus; fatto sta che la cosa ha infastidito molto mia madre.
A me è capitato la prima volta sul 490 o 491 o 495, non ricordo con esattezza: stavo a Villa Borghese con altre ragazze e uno zingaro, approfittando della calca, mi si è spiaccicato addosso. Non potendo muovermi, prima ho ignoratola cosa, poi ho adottato una tattica che utilizzo ancora oggi quando possibile: ho ruotato di 90° (mi stava di fianco) frapponendo tra me e lui la borsetta. Quando oggi mi capita di dover prendere mezzi pubblici pienissimi di gente e vicino a me ci sono uomini dai modi di fare "invadenti" cerco sempre di frapporre la borsa tra me e loro e di mettermi in una posizione tale da poterli guardare severamente.

L'invadenza fisica non è nulla se paragonata a quella verbale: i viaggi peggiori in autobus li ho fatti in mezzo a gruppi ROM giovani (e non solo) molto sfacciati e una volta è dovuto intervenire un ragazzo che se l'è vista molto brutta e se l'è cavata solo perché suo padre era colombiano (anche se lui è nato e vissuto a Roma) e così ha cercato di parlare agli zingari da "pari" dicendo loro che comportandosi in quel modo non si integreranno mai e cose simili. Da quel giorno ho preferito viaggiare sempre vicino all'autista in quella tratta e in tutte le tratte periferiche di Roma.
Potrei raccontare altre esperienze poco piacevoli collezionate negli oltre 10 anni di viaggi sui mezzi pubblici di Roma, ma per stavolta vi risparmio.

Non so se ci sono città in cui i mezzi pubblici sono stracolmi come a Roma e in cui queste cose sono "all'ordine del giorno": a Milano e Torino, anche nei casi di grandi manifestazioni e di orari di punta, l'afflusso sui mezzi pubblici è più "ordinato" rispetto al caos di Roma e non mi sono mai successe cose del genere nonostante mi sia capitato spesso di viaggiare su autobus in cui c'erano molte persone di sesso maschile di tutte le razze. :boh:

Avatar utente
marika
Very Important Poster
Very Important Poster
Messaggi: 7324
Iscritto il: 17/06/2008, 17:16

Re: Maschi invadenti sul bus

Messaggio da marika » 14/06/2011, 13:52

Il fatto è che ad un certo punto ho iniziato a preoccuparmi, data l'ostinazione "attiva". Incredibile! :impreca: Se fossi stata una lottatrice del fango gli avrei dato una bella scarica di sveglie!
Sul quel bus mi è capitata ancora un'altra cosa strana. Un giorno un signore è sceso di corsa urlando: "Guardatevi intorno: ci sono dei ladri!" E lì, parlando con dei turisti di Amsterdam è venuto fuori che sulle guide turistiche estere il 64 è bollato come bus degli scippi.
Giustamente chiediamoci il perché! Si viaggia come bestie e in estate è insopportabile, soprattutto per donne, bambini ed anziani.

Avatar utente
Rob
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 18726
Iscritto il: 06/01/2008, 4:41
Località: 127.0.0.1
Contatta:

Re: Maschi invadenti sul bus

Messaggio da Rob » 14/06/2011, 14:25

Mi dispiace per la tua disavventura, tutto sommato ti è andata bene se così si può dire, con tutta quella gente in giro probabilmente il tizio non si sarebbe spinto oltre ma meglio comunque stare alla larga da certi individui che dalla vita non hanno nulla da perdere. A Torino non mi è mai capitato di assistere ad episodi del genere, pur viaggiando spesso anche a tarda sera o su mezzi affollati ed in zone "calde" della città. I veicoli nuovi sono dotati di telecamere di sicurezza, probabilmente sono anche quelle che scoraggiano certi comportamenti.

Avatar utente
marika
Very Important Poster
Very Important Poster
Messaggi: 7324
Iscritto il: 17/06/2008, 17:16

Re: Maschi invadenti sul bus

Messaggio da marika » 14/06/2011, 16:24

A viaggiare come bestie, alla fine ci si diventa. :ko2: Non voglio nemmeno mettere in giro toni alti e allarmanti perché il tipo era immigrato. Era solo uno sporco viscido. Non basta una doccia per dimenticare quel fiato sul collo! :nausea:

Avatar utente
Skorpio
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 536
Iscritto il: 30/05/2008, 10:07

Re: Maschi invadenti sul bus

Messaggio da Skorpio » 14/06/2011, 20:16

Hai tutta la mia solidarietà anche se parlare di "maschi" nel titolo è un pò generico.... c'è tanta brava gente che prende i mezzi pubblici e quegli individui a cui ti riferisci si avvicinano molto di più al mondo animale!! :ko:

Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 30355
Iscritto il: 06/01/2008, 15:53
Località: Prope Caput Mundi

Re: Maschi invadenti sul bus

Messaggio da Fenice » 14/06/2011, 20:56

Proprio per questo "maschi" è di sicuro più indicato che "uomini": "esseri di sesso maschile" è troppo lungo e "bestie" (la parola perfetta in questi casi) non rende l'idea del contenuto del topic alla sola lettura del titolo. :sisi2:
[quote="marika";p=53447]Non voglio nemmeno mettere in giro toni alti e allarmanti perché il tipo era immigrato.[/quote]
Purtroppo di gente viscida (e, aggiungerei, malata) ce n'è in tutti i popoli e luoghi: a Roma hanno modo di manifestare la loro patologia perché le condizioni del trasporto pubblico (e non solo queste) lo consentono.

Avatar utente
marika
Very Important Poster
Very Important Poster
Messaggi: 7324
Iscritto il: 17/06/2008, 17:16

Re: Maschi invadenti sul bus

Messaggio da marika » 14/06/2011, 21:22

Potevo incontrare ovunque un maschio che si avvicina più alla bestia che al regno umano. Ed esattamente come detto, il problema è la condizione di trasporto e non la brava gente o meno che ne usufruisce. Se solo avessi potuto muovermi avrei evitato volentieri tutto lo scenario.
Ma se dobbiamo dirla tutta, è impensabile che un tizio sia così sfacciatamente invadente! E sto usando solo eufemismi. Non ci sono giustificazioni di genere. Né di razza. Odio profondamente la mancanza di rispetto nei miei confronti da parte di persone superficiali che nemmeno conosco. Basta il principio, ma siccome c'è stato anche l'atto, anzi gli atti, al suo posto mi vergognerei. E con lui tutta la categoria dei maschi-bestie.

Avatar utente
Timida26
Very Important Poster
Very Important Poster
Messaggi: 6752
Iscritto il: 30/05/2008, 13:09

Re: Maschi invadenti sul bus

Messaggio da Timida26 » 15/06/2011, 8:41

[quote="marika";p=53435]Ero di spalle e ad un certo punto sento qualcosa "di duro" dietro, all'altezza del mio sedere. Credevo una borsa. :goccia3: O qualcosa di simile. Ma dopo 7 minuti di quasi pressione ho pensato che non fosse così. Ho cambiato posizione e ho cercato di allontanarmi ma non potevo muovermi. [/quote]
Marika è capitato anche a me, ero sulla 90 e stavo andando alla stazione termini. Io ero praticametne spiaccicata contro la porta ed ho provato la tua stessa situazione, ma non appena ho capito che la cosa non era una borsa e che il tipo continuava ho cercato in tutti i modi di spostarmi e mi sono messa di lato, e il tipo ha iniziato a anche a chiacchierare...io avevo un nervo per capello...
Devo dire che almeno per il momento a Milano non mi è capitato e spero non capiti mai

Rispondi