Sicurezza alimentare - Siamo proprio sicuri?

La nostra alimentazione: consigli per mangiare e vivere meglio
Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 30922
Iscritto il: 06/01/2008, 15:53
Località: Prope Caput Mundi

Sicurezza alimentare - Siamo proprio sicuri?

Messaggio da Fenice » 01/12/2008, 12:13

Sono molti i siti che trattano il tema della sicurezza alimentare e in Rete si trovano tante le notizie utili per i consumatori a tutela della loro salute. Ma... voi vi sentite sicuri? :perplesso7:
Oltre alle delicate questioni legate ai prodotti importati da altri Paesi (spesso in modo illegale, come quelli dalla Cina), mi impensierisce molto l'efficienza (scarsissima) dei controlli effettuati sugli alimenti prima che vengano avviati alla distribuzione.
Ricordate il caso Galbani del 14 ottobre 2008? Le date di scadenza dei prodotti Galbani del deposito di Perugia sono state contraffatte: a denunciarlo erano stati i dipendenti dello stabilimento. La Galbani ha risposto denunciando (nel vero senso della parola) proprio i dipendenti.
Servizio del TG
YouTube
Gli scandali alimentari, purtroppo, continuano: adesso è il turno del tanto amato [b]Parmigiano reggiano[/b].
Durante un'ispezione in un caseificio-latteria in provincia di Parma, i carabinieri del Nas hanno sequestrato in via cautelativa 2.021 forme di formaggio. In parte erano già stagionate come parmigiano reggiano. Il totale è di 80 tonnellate per 800.000 €: 29 forme (una di parmigiano reggiano e 28 in fase di stagionatura) sono state destinate alla distruzione dallo stesso caseificio perché risultate morsicate da topi. I formaggi erano depositati in ambienti dove sono stati rinvenuti escrementi e topi morti. Il legale rappresentante del caseificio è indagato. (ANSA).

Avatar utente
chicca
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 875
Iscritto il: 01/06/2008, 12:52
Località: Rieti

Re: Sicurezza alimentare - Siamo proprio sicuri?

Messaggio da chicca » 01/12/2008, 18:58

Non ci si può fidare più di niente e di nessuno!!!! :ko: :boh: Ieri mi hanno detto che addirittura ora esistono dei distributori per il latte!Si va li con una bottiglia e si riempie! Dicono che sarebbe latte proveniente dal contadino!Ma ci credete voi? E poi il latte sarà dentro un contenitore nel distributore ,ma sarà igenico??Più che altro lo puliranno?? :boh:

Terence
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 914
Iscritto il: 13/10/2008, 19:42

Re: Sicurezza alimentare - Siamo proprio sicuri?

Messaggio da Terence » 02/12/2008, 9:54

Io il latte vado a comperarlo direttamente alla fonte, perciò... :fischio:
Per gli altri alimenti, che dire... "buona fortuna" :cool:

Avatar utente
Timida26
Very Important Poster
Very Important Poster
Messaggi: 6752
Iscritto il: 30/05/2008, 13:09

Re: Sicurezza alimentare - Siamo proprio sicuri?

Messaggio da Timida26 » 02/12/2008, 9:59

Io elimino il problema alla fonte non bevo latte

Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 30922
Iscritto il: 06/01/2008, 15:53
Località: Prope Caput Mundi

Re: Sicurezza alimentare - Siamo proprio sicuri?

Messaggio da Fenice » 02/12/2008, 10:32

Cara chicca, i distributori automatici di latte "appena munto" esistono da almeno 2 anni: nel 2006 ho sentito parlarne per la prima volta in TV in occasione della chiusura di un'azienda proprio a causa dei controlli su questi distributori. E' accaduto che il latte veniva messo nel distributore automatico immediatamente dopo la mungitura: immaginate che cosa significa? I microrganismi si moltiplicano a dismisura, perché trovano la temperatura ideale per il loro sviluppo! :shock6: Infatti il latte, appena è stato munto, va messo in frigorifero ad una temperatura di circa 2 °C per fare in modo che la crescita batterica sia bloccata: solo dopo il raffreddamento il latte può essere messo nel distributore automatico.
L'ideale sarebbe avere distributori frigoriferi, cioè che eroghino latte freddo e non a temperatura ambiente (come accade la maggior parte delle volte).
E' comunque buona norma far bollire il latte prima di berlo, ma a molti non piace il sapore post-bollitura e altri non hanno tempo/pazienza di far bollire il latte e poi aspettare che si fredda un po' per berlo. Per quel che mi riguarda, il latte lo compro confezionato e lo bevo ogni mattina: mi piace berlo tiepido, ma spesso lo faccio bollire... Fidarsi è bene, non fidarsi è meglio. :boh:
Oltre alla questione latte da bere, resta il problema dei suoi derivati: in questo caso, purtroppo, nessuna accortezza da parte nostra può bastare, nemmeno leggere la scadenza e controllare l'integrità della confezione. :triste:

Avatar utente
chicca
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 875
Iscritto il: 01/06/2008, 12:52
Località: Rieti

Re: Sicurezza alimentare - Siamo proprio sicuri?

Messaggio da chicca » 02/12/2008, 10:47

Ah pensa un pò non sapevo che esistessero già da due anni!!! Comunque io risolvo il problema,non mi interessano i distributori di latte anche perchè qui da noi non ci sono! :risata2:

Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 30922
Iscritto il: 06/01/2008, 15:53
Località: Prope Caput Mundi

Re: Sicurezza alimentare - Siamo proprio sicuri?

Messaggio da Fenice » 02/12/2008, 10:59

Considerando che non si può stare tranquilli nemmeno con il latte confezionato... il problema non è del tutto risolto. :triste:
Inoltre resta la questione derivati (formaggi, yogurt, ecc.): Galbani e, ora, Parmigiano reggiano insegnano... :ko:

Avatar utente
S_RCS
Very Important Poster
Very Important Poster
Messaggi: 2144
Iscritto il: 29/05/2008, 15:32

Re: Sicurezza alimentare - Siamo proprio sicuri?

Messaggio da S_RCS » 02/12/2008, 13:53

io il latte lo prendo tutte le mattine e anche yogurt, i formaggi no, quindi mi salvo a metà. ormai sono del parere che qui ci fregano tutti, non solo dalla cina, che fanno entrare le peggio cose ma anche da tutti gli altri per raggioni economiche...
penso che per i controlli ci servirebbe almeno metà popolazione italiana :goccia3:

Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 30922
Iscritto il: 06/01/2008, 15:53
Località: Prope Caput Mundi

Re: Sicurezza alimentare - Siamo proprio sicuri?

Messaggio da Fenice » 04/12/2008, 13:34

Ho appena sentito al TG che la Guardia di Finanza di Pisa ha sequestrato più di 250000 confezioni di generi alimentari scaduti (circa 89 tonnellate di merce) che venivano rietichettati con altra data di scadenza e messi di nuovo in commercio. Tra questi prodotti ci sono: olio,pelati, cibi sottolio e sottaceto, biscotti, merendine, marmellate e dolciumi vari. :azz2:

L'indagine è stata diretta dalla Procura della Repubblica di Pisa e ha avuto inizio nel gennaio 2008: i militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Pisa, nel corso di servizi volti al controllo economico del territorio, hanno notato i comportamenti sospetti di 3 soggetti, intenti a svolgere un'attività economica all'interno di un capannone nella zona di Crespina (PI), località Ceppaiano. Durante la perquisizione del capannone i militari hanno scoperto 3 persone intente a cancellare le date dalle confezioni dei prodotti alimentari scaduti usando appositi solventi.
In seguito agli ulteriori accertamenti sulla documentazione acquisita alle indagini, sono stati scoperti altri due magazzini di stoccaggio della merce scaduta nelle Province di Cremona e di Brescia, dove sono stati rispettivamente sottoposti a sequestro 3.948 prodotti alimentari scaduti (di cui 1.272 vasetti di caviale scaduto) e oltre 48mila confezioni scadute di alimenti di vario genere (legumi, verdure grigliate, pasta all'uovo, ciliegine, pomodori, ecc.) destinati alla successiva reimmissione nell'ordinario circuito di vendita.

:freccia: La notizia su HelpConsumatori

Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 30922
Iscritto il: 06/01/2008, 15:53
Località: Prope Caput Mundi

Re: Sicurezza alimentare - Siamo proprio sicuri?

Messaggio da Fenice » 04/12/2008, 20:52

Il mio "sesto senso" colpisce ancora Immagine ...

:freccia2: Il sottosegretario alla Salute Francesca Martini ha annunciato: E' allo studio la possibilità di emanare un'ordinanza per sospendere la distribuzione di latte crudo fino a quando non ci sarà un adeguamento dell'informazione per la salute nella quale sia chiaro che il latte crudo va consumato solo dopo la bollitura.
:freccia2: Sono al momento nove (sei nel 2008 e tre nel 2007) i casi della grave malattia renale provocata nei bambini dal batterio Escherichia coli O157 "collegati" al consumo di latte crudo. Sono fra 30 e 40 l'anno i casi segnalati all'Istituto Superiore di Sanità della malattia, chiamata sindrome emolitica uremica e che si manifesta con una grave insufficienza renale che rende necessaria la dialisi. Di questi, sei nel 2008 e tre nel 2007 hanno "una probabile correlazione con il consumo di latte crudo", ha detto il direttore generale della Sicurezza alimentare e nutrizione del ministero della Salute, Silvio Borrello.
:freccia2: Consumo di latte crudo in Italia a rischio di infezione causata dal batterio Escherichia coli O157: lo rileva una circolare del ministero del Welfare. La circolare, del dipartimento per la Sanità pubblica veterinaria, nutrizione e sicurezza degli alimenti e dalla direzione generale della Sicurezza degli alimenti e della nutrizione, si riferisce a segnalazioni di ''casi umani'' di infezione da E. coli O157 ''associate al consumo di latte crudo''. Dai controlli eseguiti nelle aziende di produzione, prosegue la circolare, ''sono state riscontrate diverse positivita' per E. coli O157 sia nel latte crudo, destinato come tale al consumo umano, sia nelle feci degli animali produttori''.
Nel frattempo sono pervenute al ministero alcune richieste sulla possibilità di riammettere ''nel circuito del latte crudo'', il latte di animali risultati in passato positivi ai controlli, ''a seguito di successivi campioni risultati negativi''.
:freccia2: Il fenomeno della vendita diretta del latte crudo si è diffuso in Italia fra il 2004 e il 2005, amplificato dai distributori automatici e reso interessante sia dal costo contenuto sia dalla preferenza per gli alimenti natura.
  • Latte fresco: è il latte pastorizzato, venduto nelle confezioni che si acquistano normalmente al bar o al supermercato. Viene trattato a temperature relativamente basse per un tempo piuttosto breve, sufficiente per uccidere i germi patogeni senza rovinare prodotto, che resta fresco
  • Latte a lunga conservazione: viene trattato con il calore in modo più drastico, tanto che può essere consumato nell'arco di sei mesi
  • Latte crudo: viene commercializzato così come viene munto, senza alcun trattamento ad eccezione di una filtrazione
Fonte: ANSA

Rispondi