Consigli su come reagire alle rimodulazioni Tim e Vodafone

Discussioni generiche e curiosità non specifiche di un singolo operatore
Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 31357
Iscritto il: 06/01/2008, 14:53
14
Località: Prope Caput Mundi
Umore:
Ha ringraziato: 1 volta
Sesso:

Messaggio

Come ho già scritto in vari topic, nelle ultime settimane ho inviato alcune mail per informare i miei conoscenti delle rimodulazioni Tim e Vodafone. Negli ultimi giorni sono aumentate le richieste di consigli su che cosa fare: passare ad un altro operatore? Cambiare tariffa? Restare passivi e pagare di più?
Ovviamente la prima cosa che chiedo è qual è l'uso che fanno del cellulare: chiamate brevi o lunghe? Inviano molti SMS? E così via…
Ho pensato di aprire questo topic per tutti coloro che (come Timida) non stanno capendo del tutto la situazione e vogliono chiedere consigli generici. :sorriso2:
Le scelte possibili sono 3:
  1. Passare ad altro operatore mobile (AOM) come consigliato dal Codacons
  2. Cambiare tariffa
  3. Attendere o SE, come auspicato dall'Agcom, sarà possibile cambiare operatore portando con sé il credito, o SE gli aumenti verranno bloccati
:freccia2: I clienti Vodafone possono scegliere tra varie tariffe "decenti" e inoltre le rimodulazioni inizieranno a partire da ottobre. Quindi vanno bene tutte e 3 le opzioni: ovviamente dipende dalla persona… Io non resterei a Vodafone "per una questione di principio". :occhiolino:
:freccia2: Per i clienti Tim, invece, è da escludere la seconda opzione: come ho già scritto più volte, non c'è in commercio una buona tariffa Tim, nonostante le voci sulle nuove opzioni della tariffa Chiara.
Quindi non resta che attendere gli sviluppi della situazione oppure chiedere di passare ad AOM: consiglio la richiesta di portabilità per due ragioni. Prima di tutto ci sono di sicuro tariffe H3G o Wind più convenienti di quelle Tim, inoltre la Tim offre la retention il 99,9% delle volte.
Per chi non sapesse a che cosa mi riferisco, la retention non è altro che un'offerta che i Gestori (in questo caso la Tim) offrono ai clienti che hanno chiesto di passare ad altro Gestore nella speranza di convincerli ad annullare la portabilità e a restare loro clienti. La Tim nel corso degli anni ha ridotto considerevolmente le offerte, ma… sono sempre offerte che aiutano a "rifarsi" in qualche modo dell'aumento della spesa causato dalle rimodulazioni.

Ho sintetizzato la situazione il più possibile: se avete domande questo è il topic adatto. :ok:
Avatar utente
Rob
Site Admin
Site Admin
Messaggi: 19470
Iscritto il: 06/01/2008, 3:41
14
Località: 127.0.0.1
Umore:
Ha ringraziato: 6 volte
Grazie ricevuti : 1 volta
Sesso:

Messaggio

Come prima cosa bisogna convincersi che non esistono solo Tim e Vodafone, ma che le altre compagnie offrono spesso e volentieri, come ha detto Fenice, tariffe e agevolazioni migliori. E' fondamentale quindi essere informati e pronti a salutare senza troppe esitazioni la compagnia che tradisca la fiducia dei propri clienti, in caso di futuri ripensamenti si può sempre fare marcia indietro. Se invece non la si vuole abbandonare cercare almeno di trovare una soluzione migliore cambiando piano tariffario o sfruttando le offerte per retention, l'importante è reagire in qualche modo ai rincari, sperando che prima o poi si ponga loro un freno dal punto di vista legislativo.
Avatar utente
Tecnico
Esperto del Forum
Esperto del Forum
Messaggi: 664
Iscritto il: 28/05/2008, 19:59
13
Località: Roma
Sesso:

Messaggio

Per me la cosa migliore è passare ad altro operatore, non c'è cosa che danneggia maggiormente una compagnia! :ok:
Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 31357
Iscritto il: 06/01/2008, 14:53
14
Località: Prope Caput Mundi
Umore:
Ha ringraziato: 1 volta
Sesso:

Messaggio

Per una "ripicca" senza dubbio :risata4: , ma bisogna anche fare i conti con il portafoglio. Se Tim e Vodafone offrono una buona retention (almeno più conveniente della vecchia tariffa e di quella che si avrebbe passando ad AOM :occhiolino: ), allora ci si può riflettere.
Inoltre bisogna tener conto di diversi fattori: ad esempio, qualcuno può richiedere una portabilità solo per ottenere retention perché dalle sue parti c'è solo copertura Tim o Vodafone… :boh:
Insomma, ogni caso è un caso a sé: come ha scritto Rob, l'importante è informarsi e fare la scelta migliore nel proprio caso. :sorriso2:
Avatar utente
Timida26
Very Important Poster
Very Important Poster
Messaggi: 6752
Iscritto il: 30/05/2008, 11:09
13
Sesso:

Messaggio

Fenice ha scritto:Per una "ripicca" senza dubbio :risata4: , ma bisogna anche fare i conti con il portafoglio. S
Quindi non ci sono altre soluzioni, passare o far finta di passare ad un altro operatore...:-(
Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 31357
Iscritto il: 06/01/2008, 14:53
14
Località: Prope Caput Mundi
Umore:
Ha ringraziato: 1 volta
Sesso:

Messaggio

C'è anche la terza opzione, ma per me non è una soluzione: "Attendere o SE, come auspicato dall'Agcom, sarà possibile cambiare operatore portando con sé il credito, o SE gli aumenti verranno bloccati". Ma nell'attesa si continuano a regalare € alla Tim/Vodafone.
Ci hai già spiegato che hai Tim e non sai che cosa fare: il mio consiglio è di chiedere la portabilità ad un altro opertore. Se vuoi comprare una nuova scheda, ti consiglio la Wind; se invece già ce l'hai, va bene qualunque sim/usim (anche H3G). Se la Tim ti offre una buona retention resti con Tim (come hai letto nel topic aperto nel forum Tim, ogni retention è migliore almeno della propria tariffa attuale). :occhiolino:
Avatar utente
Fenice
Amministratrice
Amministratrice
Messaggi: 31357
Iscritto il: 06/01/2008, 14:53
14
Località: Prope Caput Mundi
Umore:
Ha ringraziato: 1 volta
Sesso:

Messaggio

Nel corso dei mesi sono molte le persone che hanno scelto di cambiare operatore, anche grazie alla possibilità di avere il rimborso del credito (sia per i clienti Tim che per quelli Vodafone). Per aiutare nella scelta della migliore tariffa, in Rete si sono moltiplicati i "tariffometri": per assicurare una comparazione dei prezzi trasparente è in arrivo il "timbro" dell'Autorità per le tlc, con il quale l'organismo di controllo certificherà i motori di calcolo realmente indipendenti.
:freccia2: La notizia su ANSA